19 Ottobre 2021
News
percorso: Home > News > UNDER 16

UNDER 16 GIRONE A: 21/10/15: RINASCITA BLU - VP SCANDICCI 2 - 3

23-10-2015 09:05 - UNDER 16
C´è voluta la quinta giornata di questo girone di ferro per segnare in classifica il primo punto, la partita di mercoledì sera ci ha visto soccombere per 2 a 3 con lo Scandicci.
Il bilancio della giornata è amaro, amaro perché quando si perde un´occasione la sensazione che rimane, aldilà di tutti gli aspetti positivi, è come quando ci si ciuccia le dita dopo aver sbucciato i carciofi.
Primo set
Inizio discreto ed equilibrato anche negli errori, stentiamo un po´ nel palleggio ma sfoggiamo un´ottima difesa, set in equilibrio fino al vantaggio di 9 a 8, da questo momento miglioriamo palleggio e incisività, prendiamo un discreto abbrivio, andiamo sul 15-10 mostrando sicurezza e controllo di tutte le fasi, poi il primo accenno di una crisi d´identità che, fra errori disarmanti, disordine in campo e qualche colpo fortunato delle avversarie, ci impedisce di sparare il colpo di grazia, ritemprando lo Scandicci.
Il set procede in equilibrio (17-16; 18-18) fra un buon colpo messo a segno e un errore che riporta sotto l´avversario, la coach comincia ad agitarsi ma la svolta non arriva.
Un invasione inesistente e un attacco fuori consentono allo Scandicci il sorpasso, 21-22, coach in preda alle convulsioni.
Dopo un bello scambio molto prolungato e condotto in attacco dalla nostra squadra, sul 22-23, perdiamo il punto, onore alle avversarie che riprendono veramente di tutto, andiamo sotto 22-24, è un colpo mortale, il set termina, 22-25, gettato alle ortiche e . . . . tirato l´acqua (per rendere meglio l´idea di dove l´abbiamo gettato in realtà)
II set
Set che parte alla grande per la nostra squadra che sembra ipotecare quasi subito il punto del pareggio i parziali di 8-3; 13-4 e 18-6 insieme alla dinamica della partita ci tranquillizzano ma, anche oggi, l´ansia è dietro l´angolo, infatti da questo momento in poi succede un po´ di tutto: black out delle nostre fanciulline che concedono alle avversarie un parziale di 2 a 9 perdendo quasi del tutto il senso dell´orientamento in campo.
L´arbitro corona la sua incerta prestazione con una certezza assoluta: i palloni dentro/fuori rimangono per lui un mistero insoluto, nemmeno lo scatto d´autorità che lo porta ad ammonire, alla prima vera protesta, la nostra coach, gli restituisce un minimo di autorevolezza.
Però chissà quant´è che aspettava di farlo: mostrare il cartellino col piglio del comandante, un gesto provato e riprovato davanti allo specchio della sua camerina, un sogno nel cassetto che si avvera!
Il set, nel senso del volley e non quello cinematografico, al quale però si avvicina molto, prosegue con un errore di formazione avversario che scatena una processione verso il banco del segnapunti, fioccano le richieste di formazione da una parte e dall´altra, un altro insensato tentativo arbitrale di imporre un ordine tutto suo viene sedato, senza tanti fronzoli, dal coach avversario, il banco del segnapunti sembra la cassa della sagra del cinghiale di Monteloro al pranzo della domenica.
Smaltita la coda, finalmente si torna giocare , chiudiamo il set, non senza affanni, per 25 a 16.
III set
Senza dubbio il set più brutto di questa stagione agonistica, la nostra squadra parte male e prosegue peggio: difesa incerta, posizioni approssimative, attacchi portati col braccino molle e intimorito.
Di fronte ai pochi attacchi degni di tale nome ci pensano le avversarie a compiere più di un miracolo che rispedisce, non si sa come (se no non era un miracolo), il pallone di qua dalla rete, perdiamo per 12 a 25 un set orribile
IV set
Altro set di qualità non eccelsa, migliora il nostro approccio (peggiorare era difficile) ma commettiamo ancora troppi errori, per fortuna ci pensano le avversarie a ristabilire un certo equilibrio ricambiando con gli interessi.
Portiamo a casa il punto fermando lo Scandicci a 15, si va al quinto.
V set
Purtroppo senza storia, lo Scandicci ci mette più convinzione va subito decisamente in vantaggio (2-6; 5-11) e gestisce senza grossi problemi fino al 8-15 finale.
Peccato perché la squadra che abbiamo ammirato contro il Chianti o contro l´Euroripoli probabilmente avrebbe portato a casa la partita, la sensazione è che le nostre ragazze abbiano avuto paura ad osare, paura di vincere, nel momento in cui bisognava calare il carico si sono distratte, smarrite, peccato perché vincere è la medicina migliore per l´ego sportivo.
Forza ragazze!!!

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari